Reazione allergica al indometacina

Reazione allergica al indometacina

Definizione

Un reazione avversa al farmaco (ADR) è una risposta indesiderata e non volute ad un farmaco che si verifica con dosi usuali terapeutiche. I pazienti ospedalizzati ricevono una media di 6 a 10 farmaci e ADR può verificarsi fino al 15% di questa popolazione. Un reazione allergica di droga è uno che coinvolge i particolari meccanismi biochimici coinvolti nella amplificazione immunologica. Meno del 15% di tutte le ADR sono di natura allergica. I diversi tipi di ADR sono riassunti nella Tabella 214.1.

Classificazione delle reazioni avverse.

La cura deve essere esercitata nel definire una reazione allergica. In particolare, una spiegazione immunologico per un evento spiacevole, non può essere accettata solo perché altre spiegazioni sono carenti. Anche con tanta cura, definizione esatta rimane spesso difficile, perché riprendere il trattamento con l’agente sospettato di solito è immorale. Alcune caratteristiche che supportano un meccanismo allergica sono i seguenti:

La reazione prende una forma associata con noti meccanismi immunologici, ad esempio, rash, orticaria, anafilassi, malattia da siero.

La reazione non può essere spiegato sulla base dei noti effetti farmacologici o peculiari del farmaco (s).

In assenza di una precedente esposizione, la reazione avviene dopo 7 a 10 giorni sulla droga. Con precedente sensibilizzazione, una reazione anafilattica solito avviene entro 30 minuti e altre "accelerata" reazioni all’interno 2 a 4 giorni.

Altre caratteristiche, quali eosinofilia e risoluzione sulla sospensione del farmaco, supportano la diagnosi.

Tecnica

Alcuni dei punti in cui farmaci possono agire nel causare reazioni immunologiche dannose. Il farmaco o dei suoi metaboliti (s), dopo combinazione con un componente del sangue o tessuto, possono diventare allergenico. Il farmaco o dei suoi metaboliti (s) possono alterare componente tissutale (s) (ancora).

Scienza di base

Questo capitolo non fornisce un trattamento enciclopedica di tutte le reazioni allergiche droga. Invece, un quadro di problem-solving con esempi è previsto che aiuterà il lettore a comprendere, anticipare, diagnosticare e prevenire tali reazioni. Prima di affrontare questo obiettivo, è importante a che fare con alcune idee sbagliate ampiamente possedute.

Le reazioni avverse sono non essere considerati come eventi di disturbo che solo occasionalmente complicano la gestione del paziente. Così come non ci sono rose senza spine, ADR sono una conseguenza inevitabile di intervento terapeutico con farmaci. Negli Stati Uniti, più di 750.000 ricoveri per risultato d’esercizio da ADR a un costo stimato di migliaia di milioni di dollari.

La grande maggioranza (80%) di ADR sono farmacologico (non allergica) in natura e seguire i dettami della curve dose / risposta farmacologici, cioè maggiore è la dose, più i vari effetti. Nel raggiungimento di questi effetti farmacologici, il farmaco è neutrale, e siamo noi a decidere ciò che è "auspicabile" o "indesiderabile."

Classificazione delle reazioni immunologiche droga.

Test for Drug Allergy in vivo e in vitro

Ne consegue che farmaco ipersensibilità può risultare da azione di un farmaco a uno o più dei punti della sequenza mostrata nella Figura 214.1. Purtroppo, l’assenza di precisi studi cinetici sequenziali della causalità delle varie reazioni allergiche ai farmaci rende estrapolazione dei risultati delle prove in vivo e in vitro problematico. Così, solo perché un cellule degranulates droga albero o rilascia linfochine da linfociti T non vuol necessariamente dire che questo è il meccanismo di danno tissutale. Per lo stesso motivo, anche un positivo immediato (tipo I) o ritardata (tipo IV) reazione della pelle non può di per sé essere preso come evidenza assoluta ma deve essere interpretato nel contesto del quadro clinico generale. Con questo in mente, possiamo ora esaminare l’utilità di vari test in vivo e in vitro.

rechallenge

Prove di Dermal Reattività

Tipo I Reazioni

Il principio del test è quello di iniziare con intradermica puntura test usando diluito (ad esempio 10 unità / ml) soluzioni di penicillina in soluzione salina fisiologica. Se questo è negativo, procedere con iniezioni intradermiche di 0,02 ml penicilloyl-polilisina e determinanti minori concentrazioni incrementali. Questo test deve avvenire con adrenalina coinvolto in una siringa con misure di rianimazione per l’intubazione endotracheale o anche tracheostomia facilmente disponibili.

Un approccio simile è applicabile a test cutanei per la reattività di anestetici locali. Questi farmaci possono essere divisi in due gruppi, a seconda frazione (cioè benzocaina, procaina, ecc) o assenza (es dibucaina, la lidocaina) di un gruppo fenile para-ammino. Il potenziale di effetti negativi può essere diverso tra i due gruppi. Anche se il meccanismo di tali effetti non è chiaro, di tipo I (IgE-mediate) gli effetti sono probabilmente rare. In questo contesto, è opportuno notare che i farmaci in diverse classi terapeutiche possono essere chimicamente (e allergenically) simile. Gli esempi includono l’uso di procainamide e lidocaina in aritmie cardiache e procaina in terapia con penicillina. Di tanto in tanto uno di questi farmaci può essere obbligatoria, nonostante una storia di reazioni prima di questo gruppo di farmaci. Se è così, dopo un’attenta anamnesi, aumento dosi sono somministrate intradermica inizia con un prick test e di lavoro fino ad un volume di materiale non diluito 1,0 ml.

Tipo IV Reazioni

I test in vitro

I test in vitro evitano il anafilattico e pericoli sensibilizzanti di rechallenge pelle o sperimentazione in vivo. Idealmente tali prove dovrebbero dare un risultato quantificabile precisa che indica il tipo di reazione immunologica (Tabella 214,2) e il suo posto nella sequenza legati eventi che hanno portato alla sua espressione clinica (Figura 214,1). Questi ideali raramente possono essere realizzati, però, perché precisi quantificabili esperimenti cinetici che documenta non solo l’esistenza di eventi, ma anche la loro tempistica e la sequenza sono pochi e lontani tra loro. Lo studente moderno dell’immunologia si trova ad affrontare una miriade di eventi fenomenologici (cellule B, le cellule T helper, le cellule T suppressor, livelli di immunoglobuline, ecc) che non sono ancora collegate in sequenze cinetici significativi che permettono precisa correlazione clinica. Quindi, anche se ampie liste di associazioni empirici sono stati compilati, la loro utilità clinica è limitata in questo momento.

Significato clinico

Rischio di reazioni avverse

Altri fattori, come la dotazione genetica e la razza, probabilmente influenzano l’incidenza e il tipo di ADR, ma le manifestazioni concrete di questo sono pochi. Gli esempi includono il maggior rischio di ADR a isoniazide, idralazina e procainamide in acetilatori lenti, e forse per debrisochina e fenitoina in hydroxylators lenti. pazienti atopici il cui problema sembra coinvolgere la pelle intrinseca, delle mucose, e iperreattività bronchiale non hanno un aumentato rischio complessivo di allergia ai farmaci e possono in realtà avere meno rischio di sviluppare dermatite da contatto.

Tipi di reazioni allergiche droga

Reazioni allergiche farmaci sistemici

Anafilassi

L’incidenza di reazioni allergiche alla penicillina è pari a circa il 2%. reazioni anafilattiche fatale e non fatale alla penicillina sono stati stimati in circa 0,02% e 0,002%, rispettivamente. Il rischio percentuale per gli altri membri della lunga lista di farmaci implicati non è documentato. In breve, anafilassi è stata riportata con quasi tutti gli antimicrobici, con il capo la penicillina tra di loro. È importante notare che intradermica Pre-Pen, che viene utilizzato per verificare l’allergia penicillina, possono anche causare anafilassi. Di conseguenza, tali test non dovrebbe essere intrapreso senza una buona ragione, e non certo per soddisfare la curiosità del paziente o medico.

In questo contesto, gli effetti immuno-come di aspirina dovrebbero essere tenuti in mente. Il meccanismo alla base di questi eventi può riguardare gli effetti di aspirina (e di altri farmaci anti-infiammatori non steroidei) sulla sintesi delle prostaglandine. Alcuni pazienti sensibili all’aspirina possono presentare anche la sensibilità alla tartrazina colorante giallo, presente in molti alimenti e farmaci. Reazioni malattia da siero. malattia da siero deriva il suo nome dalla malattia che si è sviluppata nel 95% dei pazienti trattati con 100 ml o più antitossine siero di cavallo. L’uso di tali antitossine cavallo è diminuita con l’avvento di più vaccini e terapia antimicrobica. Ma sono ancora disponibili come antiveleni per Snake e ragno morsi, il botulismo, gangrena gassosa, la rabbia, e la difterite. L’uso della rabbia siero iper-immunitario umano dovrebbe diminuire il rischio attuale (16,3%) di malattia da siero nei pazienti trattati con l’antitossina cavallo.

febbre da farmaco
Lupus eritematoso sistemico

Alcuni agenti associati con farmaco-indotta lupus eritematoso sistemico.

Insulino-resistenza e allergie

Individuale coinvolgimento degli organi

Pelle

Un parziale Elenco dei Farmaci che causano allergiche Manifestazioni nella pelle.

polmoni

Gli stessi principi diagnostiche descritte per la pelle applicano alla rilevazione di pulmonic reazioni allergiche droga. A causa della maggiore difficoltà di accesso al tessuto polmonare, le definizioni patogenetici e immunologici di tali reazioni sono ancor meno chiaro è il caso per la pelle. Tuttavia, un certo numero di associazioni empirici sono stati fatti insieme con meccanismi putativi. Come in precedenza, la divisione in iniziazione antigenica e nonantigenic, il fallimento di regolazione dell’amplificazione immunitario, e iperreattività tessuto deve essere tenuto a mente.

componenti del sangue

In modo simile, farmaci cefalosporina possono alterare la membrana eritrocitaria modo che le proteine ​​del siero aderire e test di Coombs diretto diviene positivo. Emolisi non si verifica, ma falso agglutinazione si possono incontrare in cross-corrispondenza di sangue per le trasfusioni. Come le penicilline, con i quali vi è qualche reazione croce, cefalosporine possono anche produrre un tipo aptene di test di Coombs positivo.

Agranulocitosi può derivare dalla lenta insorgenza di effetti tossici dei farmaci. Una rapida insorgenza di agranulocitosi tramite meccanismi immunologici (ad esempio di tipo III o "spettatore innocente") Appare di solito entro 7 a 10 giorni dall’inizio della terapia. Anche la lista dei farmaci è lunga che non è utilmente qui riprodotto. Gli esempi includono sulfamidici, fenotiazine, farmaci antitiroidei, chinino e hydralazine. In ogni caso, uno, la letteratura del produttore e da altre fonti enciclopediche devono essere indicati (vedere i riferimenti).

Fegato

Le reazioni allergiche che coinvolgono il fegato sono anche meno ben definiti rispetto a quelli del polmone e vengono dedotti quando si verifica il danno epatico nel contesto di manifestazioni sistemiche come febbre, adenopatia, rash cutaneo, o eosinofilia. Come nel polmone, il danno può essere messo a fuoco nel parenchima o condotti dell’organo. occlusione Cholestatic dei condotti è stata descritta con le fenotiazine, imipramina, e antisettici urinari acido nalidixico e nitrofurantoina. Le Eritromicine sono stati implicati, in particolare la preparazione estolate. Come potrebbe essere anticipato da ostruzione dei dotti biliari, fosfatasi alcalina è sollevato e la biopsia epatica mostra colestasi con qualche periportal infiltrato con eosinofili e cellule mononucleate. Parenchimale danno epatocellulare assomiglia a quella di epatite virale, la febbre, eosinofilia, e rash.

Alcuni dei farmaci implicati includono gli inibitori della monoamino-ossidasi idrazina, phenytoins, chinidina, metildopa e farmaci antitubercolari isoniazide, rifampicina e pirazinamide. Un farmaco di particolare interesse è il alotano anestetico, che può provocare granulomi eosinofili nel fegato. Il rischio di reazione alotano può aumentare con precedente esposizione, che supporta anche una possibile patogenesi immunologica. Tuttavia, se la risposta immunologica in realtà inizia il danno o semplicemente rappresenta una reazione immunologica al tessuto danneggiato è controversa.

Rene

Riferimenti

Arndt KA, Jick H. Tassi di reazioni cutanee ai farmaci. JAMA. 1976; 235: 913-23. [PubMed. 128.641]

Atkinson AJ, Lee W-K, Quinn ML. Dose-ranging processo di N-acetil procainamide nei pazienti con contrazioni ventricolari premature. Clin Pharmacol Ther. 1977; 21: 575-87. [PubMed. 322922]

Bierman CW, Nierson WE, Zeitz SJ, Hoffman LS, Van Arsdel PP. Reazioni associati alla terapia con ampicillina. JAMA. 1972 220: 1098-1100. [PubMed. 5067510]

Blomgren SE, Condemi JJ, Vaughan JH. Procainamide indotta lupus. Am J Med. 1972 52: 338-48. [PubMed. 4536815]

Cluff LE, Caranasos GJ, Stewart RB. In: Smith LH, ed. problemi clinici con la droga. Philadelphia: W.B. Saunders, 1975; 43.

Davies DM. Textbook of reazioni avverse al farmaco. 2a ed. New York: Oxford University Press, 1981.

Dinarello CA. Interleuchina I e la patogenesi della risposta di fase acuta. N Engl J Med. 1984; 311: 1413-1418. [PubMed. 6208485]

Evans DAP. I fattori genetici a reazioni avverse ai farmaci e sostanze chimiche. In: Dukor P, Kallos P, Schlumberger HD, West GB, Karger-Bagel S, eds. reazioni pseudo-allergiche. I. Aspetti genetici e reazioni anafilattiche. Del 1980.

Verde GR, Rosenblum AH, dolce LC. La valutazione della penicillina ipersensibilità: valore della storia clinica e test cutanei con penicilloyl-polilisina e la penicillina G. J Allergy Clin Immunol. 1977; 60: 339-45. [PubMed. 925.260]

Jick H, Miettinen OS, Shapiro S, Lewis GP, Suskind V, la sorveglianza della droga Slone D. completo. JAMA. 1970; 213: 1455-1460. [PubMed. 5468449]

Lachman PJ. sindrome nefrosica da penicillamina. Postgrad Med J 1968; 23 (Suppl). [PubMed. 5706607]

Landsteiner K. La specificità delle reazioni sierologiche. Cambridge: Harvard University Press, 1945.

Lockey RF, Bukantz SC. Decessi associati con test cutanei e immunoterapia. Ped Allergy Immunol. 1988; 2: 149-50. [PubMed. 3196017]

Mahgoub A, Idle JR, Portare LG, Lancaster R, Smith RL. idrossilazione polimorfica di debrisochina nell’uomo. Lancetta. 1977; 2: 584-86. [PubMed. 71400]

Meyler L, effetti Herxheimer A. collaterali dei farmaci. Excerpta Medica 1972, 7 e volumi precedenti.

Monro J, Carini C, Brostoff J. L’emicrania è una malattia allergica alimentare. Lancetta. 1984; 2: 719-24. [PubMed. 6148473]

Perry HM, Tan EM, Cannody S. Relazione di attività acetiltransferasi di anticorpi anti-nucleo e sintomi tossici nei pazienti ipertesi trattati con idralazina. J Clin Lab Med. 1970; 76: 114-25. [PubMed. 4912962]

Philp JR. Aspetti teorici di monitoraggio dei farmaci. In: Stewart RB, Cluff LE, Philp JR, ​​eds. monitoraggio della droga. Un requisito per uso di droga responsabili. Baltimora: Williams & Wilkins, 1977; 54.

Pullen H, Wright N, Murdoch JM. Reazioni di ipersensibilità a farmaci antibatterici in mononucleosi infettiva. Lancetta. 1967; 2: 1176-1178. [PubMed. 4168380]

Reidenberg MM, Lowenthal DT. Le reazioni avverse non-droga. N Engl J Med. 1968; 279: 678-79. [PubMed. 5670907]

Rosenow CE. Indotto da farmaci ipersensibilità nel polmone. In: Kirkpatrick CH, Reynolds HY, eds. reazioni immunologiche ed infettive nel polmone. New York: Marcel Dekker 1976.

Rothfield NF, Bierer WF, Garfield JW. l’induzione isoniazide di anticorpi antinucleari. Ann Intern Med. 1978; 88: 650-52. [PubMed. 306216]

Rudolph AH, Prezzo EV. Reazioni penicillina tra i pazienti in cliniche malattie veneree: un sondaggio nazionale. JAMA. 1963; 186: 894-98. [PubMed. 4739133]

Shands JW, endotossine McKinney C. Plasma: L’aumento dei livelli in pazienti neutropenici non sono correlati con la febbre. J Infect Dis. 1989; 159 (4): 777-79. [PubMed. 2926168]

Sheffer AL. Svelare il mistero di anafilassi idiopatica. N Engl J Med. 1984; 311: 1248-1249. [PubMed. 6493276]

Smith AG. reazioni avverse cutanee per la terapia farmacologica sistemica. Adverse Drug Reac Bill. 1989; 134: 500-503.

Smith LJ, Slavin RG. Farmaci contenenti tartrazina. J Allergy Clin Immunol. 1976; 58: 456-70. (correzioni 1977; 59: 69). [PubMed. 972.214]

Sternlieb I, Bennet B, Scheinberg H. d -penicillamine indotto sindrome di Goodpasture nella malattia di Wilson. Ann Intern Med. 1975; 82: 673-76. [PubMed. 1094875]

Stewart RB, Cluff LE, Philp JR. monitoraggio della droga. Baltimora: Williams & Wilkins, 1977; 4.

Textor SC, Gephardt GN, Bravo EL, Tarazi RC, Fouad FM, Tubbs R, McMahon JT. glomerulopathy membranosa associata alla terapia con Captopril. Amer J Med. 1983; 74: 705-12. [PubMed. 6340493]

Wedmore CV, Williams TJ. Controllo della permeabilità vascolare dei leucociti polimorfonucleati nel processo infiammatorio. Natura. 1981; 289: 646-50. [PubMed. 7464931]

Related posts

Related posts